User avatar

BOOK extract, ITALIAN - Estratto di un libro in italiano

2 likes
2 likes
Book extract in Italian (psychological novel). Estratto di un libro in italiano (romanzo a sfondo psicologico). ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- LA NOTTE IN ALBERGO Si erano fatte le dieci. Avevo infilato due cose nello zaino e mi ero preparata per uscire. “Sicura che vuoi dormire fuori? A me sembra un po’ eccessivo. Magari puoi ancora annullare …” L’avevo guardato di traverso. “No, non posso. E poi è meglio così, fidati!” “Sarà. Ma magari io dormo come un ghiro e tu alla fine hai speso soldi per niente.” Non gli avevo risposto, per evitare un’eventuale discussione e inutili ripensamenti. “Come vuoi. Allora buona notte, mandami un messaggino quando ti svegli.” L’avevo abbracciato ed ero uscita. A fatica: quelle braccia mi imploravano di restare. (…) Ero arrivata che stavano per spegnere le luci della reception. Verificate al volo la mia identità e la prenotazione, la padrona mi aveva sbattuto in mano un portachiavi di metallo tutto scassato con inciso il numero 21, mi aveva dato due dritte sugli orari e si era rintanata in fretta e furia nel suo appartamento. Con un fare quasi offeso. Che modi! Mah ... Buona notte. Rimasta sola, mi ero guardata intorno, per orientarmi. Tutto era antipatico, in quel posto: le lampadine difettose, l’arredamento mezzo logoro e mezzo sfatto, l’odoraccio di fritto e di malconcio che fuoriusciva da ogni muro e la donna sgarbata. Oltre a ciò, c’era una corrente d’aria fastidiosa, che mi arrivava diretta sul collo e che proveniva da non so dove - non si capiva. L’atmosfera, poi, era quasi surreale: in teoria, avrebbe dovuto esserci il pienone da regione turistica in alta stagione. Invece no - vi regnava un silenzio inquietante. Mi era venuta una po’ di paura, di quelle che non sai perché ti vengono, dato che in realtà non succede nulla di grave. Ma che forse ti vengono esattamente per questo. Per sfuggirla, mi ero precipitata sulle scale, divorando i gradini a due a due. Giunta al mio piano, avevo cercato la porta numero 21: era la seconda sulla destra. Che strano ... e la prima, allora, che cosa cela? (...)
Published:January 12, 2021
Comments (0)
undefined